Sono trascorsi dieci anni dalla scomparsa della poetessa Alda Merini e Milano ha deciso di celebrarla con una serie di iniziative in vari luoghi della città.

L’evento più simbolico sarà l’intitolazione all’artista del Ponte sul Naviglio Grande in Ripa di Porta Ticinese angolo via Corsico, quello stesso ponte che la Merini attraversava ogni giorno.

A seguire una serie di eventi realizzati in collaborazione con Associazione Casa delle Artiste, Casa Museo Boschi – Di Stefano e Comune di Brunate.

Sono tante le iniziative che la città meneghina ha voluto organizzare dedicate ad Alda Merini che vedrà la conclusione con una “fiaccolata poetica” sul Ponte a lei dedicato come luogo simbolo della sua esistenza e della sua poesia.

Infatti il 6 novembre alle ore 10.30 con l’assessore Filippo del Corno si terrà la giornata inaugurale del ponte. Le celebrazioni alla storica voce di Milano termineranno il 18 novembre nella chiesa di San Marco con una rivisitazione del suo Poema della croce appositamente organizzato dall’Associazione Alda Merini con il patrocinio dell’Arcidiocesi di Milano.

In tale occasione accanto a Giovanni Nuti, interprete e compositore delle musiche, Carla Fracci: quest’ultima infatti ha già ricevuto il Premio Alda Merini Brunate 2019 – Più bella della poesia è stata la mia vita.

Non solo, nelle giornate del 28 e del 29 ottobre, l’Università degli Studi di Milano, presso la sala Napoleonica terrà un convegno intitolato “io sono una città nera e una rondine notturna. Alda Merini, poeta di Milano”.

Il primo convegno a lei dedicato che vedrà tavole rotonde con i più autorevoli studiosi grazie al contributo fornito dalla Regione Lombardia.

Leave a Reply

Your email address will not be published.